Torna Salerno Letteratura Festival

Condividi!

Dal 16 al 24 giugno prenderà il via la sesta edizione del festival Salerno Letteratura. Il programma quest’anno sarà più ricco che mai, con autori italiani e internazionali e decine di eventi dedicati a poesia, teatro e danza. Inoltre, da quest’anno, dopo le partnership europee con festival portoghesi, spagnoli, francesi e irlandesi – e dopo aver ottenuto l’Effe label, certificazione assegnata alle più interessanti manifestazioni culturali del continente – il festival rinforzerà il legame con la propria terra rappresentando la Rete dei festival del Sud, annunciata questo weekend nell’ambito del Salone del libro Napoli Città Libro. E per la prima volta la prolusione inaugurale sarà affidata a una donna: l’antichista Giulia Sissa, docente alla Università di California a Los Angeles.

Il festival

Il festival – anche stavolta sotto l’egida della direzione artistica di Francesco Durante – avrà un’anteprima il 15 giugno con Pino Quaranta e sarà come ogni anno a carattere itinerante. Infatti gli incontri si svolgeranno nei siti più suggestivi della città di Salerno, tra i quali Palazzo Fruscione, inserito nella cornice di San Pietro a Corte, il Tempio di Pomona, la chiesa dell’Addolorata, largo Barbuti, l’arco catalano e il Duomo. Numerosi saranno gli ospiti: André Aciman, autore di Chiamami col tuo nome, il romanzo che ha ispirato il film di Luca Guadagnino vincitore di un Oscar; l’attore e sceneggiatore della celebre serie tv I Soprano Michael Imperioli; un nutrito drappello di scrittori tedeschi e austriaci fra i quali spiccano Harald Gilbers, l’autore di I figli di Odino, e Wolfram Fleischhauer; il romanziere camerunense Patrice Nganang, reduce dalle prigioni di Yaoundé; la sudafricana Yewande Omotoso, testimone letteraria dei difficili rapporti fra bianchi e neri a Città del Capo; i francesi Olivier Guez, autore di uno straordinario reportage sul dottor Mengele, e Ian Manook, inventore della saga del commissario mongolo Yeruldelgger; l’inglese Tim Parks col suo nuovo romanzo In extremis; l’albanese Anilda Ibrahimi; i registi-narratori Pupi Avati e Cristina Comencini, poi Alessandro Robecchi, Maurizio de Giovanni, Diego De Silva, Antonio Moresco, Aurelio Picca, Romana Petri, Nando Dalla Chiesa, Enrico Deaglio, Marco Santagata, Roberto Finzi, Paolo Di Paolo, i giornalisti-scrittori Marco Damilano, Massimo Nava, Brunella Schisa e Annalena Benini, l’attore Fortunato Cerlino, Sabrina Nobile. E ancora, Eva Cantarella, Silvana Nitti, Antonio Castaldo, Pasquale Scialò, Vittorio del Tufo, Paolo Malaguti, Glauco Maria Cantarella.

Il premio Strega e il Premio Salerno Libro d’Europa

Il Salerno Letteratura festival sarà anche occasione per conferire il Premio Salerno Libro d’Europa, che quest’anno va a Max Lobe, Olivia Sudjic e Katerina Tuckova. E sarà occasione per la prima uscita pubblica, come negli anni scorsi, per la cinquina dei finalisti del Premio Strega.

 


Condividi!

Grado Zero è una rivista culturale online, nata dall’incontro di menti giovani. Si occupa di cultura e contemporaneità, con particolare attenzione al mondo della letteratura e del cinema.

Lascia un commento

Torna su