antonio francesco perozzi

Architettura dell’evanescenza. Su “L’assedio della gioia” di Francesco Brancati

Con L’assedio della gioia (Le Lettere, 2022) Francesco Brancati fa della poesia una tecnica dell’accorgimento, il veicolo attraverso cui –…

11 Novembre 2022

Fiumi e lingue. Su “Punti di fuga” di Alessio Paiano

Punti di fuga di Alessio Paiano – che è tornato quest’anno in libreria con un denso lavoro su C. B.…

10 Agosto 2022

Lotta, mutilazioni, lasagne. Su “Bianca” di Barbara Giuliani

Bianca di Barbara Giuliani (Neo Edizioni, 2022) è un libro di poesia che non risponde a ciò che comunemente (o…

13 Luglio 2022

Epos e collasso in “L’ora muta” di Simone Cerlini

L’ultimo libro di Simone Cerlini, L’ora muta (Alter Ego, 2021), è un romanzo corposo, che posiziona le vicende di Camilla…

17 Maggio 2022

Vite mai avvenute. Su “Opus metamorphicum” di Sonia Caporossi

Quale posto occupano le “vite illustri” nella storia della cultura? Come si rapportano al tempo le biografie lette, masticate, strappate…

28 Dicembre 2021

Go West. Sistemi e anti-sistemi in “Ultimo stadio” di Francesco Negri

Ultimo stadio di Francesco Negri (Transeuropa, 2020) è un romanzo-tritolo. Primo, perché fa esplodere il testo in una centrifuga di…

6 Aprile 2021

Mondo parlato. Su “Un semplicissimo universo inespanso” di Michele Fianco

L’operazione che Michele Fianco compie in Un semplicissimo universo inespanso (Nino Aragno Editore, 2019) non è semplicemente quella di antologizzare…

22 Gennaio 2021

Il parossismo del desiderio: “Brama” di Ilaria Palomba

Si chiama Brama l’ultimo libro di Ilaria Palomba, uscito lo scorso gennaio per Giulio Perrone Editore. L’autrice pugliese arriva qui…

23 Giugno 2020

Gorilla Sapiens chiude. Un omaggio tramite “Volevo fermarmi a tre righe ben scritte” di Carlo Sperduti

È bene partire da un dato fondamentale: Gorilla Sapiens chiude. E chiude, cioè, un progetto caparbio nel ritagliarsi la propria…

26 Maggio 2020