Categorie: CulturaLetteratura

Cuori di nebbia di Licia Giaquinto. Una polifonia contemporanea degna di Dostoevskij

Vittime, assassini e testimoni, soldi, sesso, tradimenti, droga, ossessioni e perversioni. Detti così gli ingredienti di Cuori di nebbia farebbero pensare a un noir. E in effetti per come sono andate le cose quella notte nei campi gelati dell’Emilia – con due cadaveri (uno di una prostituta tossicodipendente), dei soldi che non si ritrovano, testimoni voyeur che spariscono – gli ingredienti ci sono tutti. Ma che si sia letto un noir, in fondo (e se davvero di noir si tratta non lo so), ce se ne accorge solo alla fine, perché quello che accade immediatamente invece è l’essere catapultati nell’intima verità di tante vite diverse, ciascuna con una propria personalissima voce oltre che storia. Ciascuna così potente da poter diventare un racconto a sé. E, in effetti, l’alternarsi di ciascuna voce in ogni capitoletto la trasforma in un percorso originale da seguire: la verità di una vita, un’intima biografia di forze e debolezze, come le vite di ciascuno di noi. Una polifonia contemporanea degna di Dostoevskij.

Forse è questo che mi ha tenuto incollato alle pagine di Cuori di nebbia, impedendomi di mollarle e costringendomi a finire in un solo pomeriggio il romanzo di Licia Giaquinto uscito nel 2007 per Flaccovio e ripubblicato da TerraRossa Edizioni. Perché alla fine io facevo il tifo per te Filippo, che sei «sempre stato un bravo ragazzo», hai lavorato come un mulo tutta la vita e ti sei innamorato di Natascia, che si prostituiva là dietro i tuoi campi lungo la statale. E facevo il tifo pure per te Mirella, che ti sei sposata Filippo, ma hai trovato il vero amore con Ivonne, che è venuta ad abitare vicino al tuo casale quasi per caso. Perché in questa vita non felice che avete vissuto insieme vi ci siete trovati entrambi gettati, senza alternative. E ci speravo veramente che Natascia si fosse innamorata di te, Filippo, e che non mentisse come faceva con tutti gli altri clienti, solo per guadagnare di più. Che non mentisse come aveva imparato a fare sin da bambina, per scappare dall’Est e venire qui in Italia. E, cavolo, Nicola, in fondo sei un bravo ragazzo pure tu, perché quel vizio di spiare le coppiette, quel non coraggio nell’affrontare la vita, te l’hanno buttato addosso quando eri bambino. E anche i tuoi demoni Francesco sono nati quando eri bambino e lottavi contro l’incubo del cibo incarnato da tua madre e contro il tuo corpo che da grasso era diventato magro, magrissimo. I demoni, come quelli di Francesca e l’eroina o di Mirco, novello principe Myškin ma con una tragedia enorme alle spalle.

Ecco, ci sono, questo noir per me è un I demoni contemporaneo. Ed è questo che mi ha tenuto incollato alle sue pagine e per cui vi consiglio di leggerlo.

Arcangelo Licinio

Redazione

Grado Zero è una rivista culturale online, nata dall’incontro di menti giovani. Si occupa di cultura e contemporaneità, con particolare attenzione al mondo della letteratura e del cinema.

Condividi
Pubblicato da
Redazione

Articoli recenti

Il Dio D.O.C – Sarah Majocchi

Un pube riccioluto cresce oltre la veste candida dell’aglio. Lo taglia in spicchi velati una…

19 Maggio 2024

La musica sta cambiando (ma non in Italia)

Ricordate il Concerto del Primo Maggio? Certamente sì, se state pensando a quello più recente,…

15 Maggio 2024

Di chi è il senso? Su Demolition Job di Alfredo Zucchi

Con Demolition Job (Edicola Ediciones, 2023), Alfredo Zucchi costruisce un’impalcatura di cinque racconti destinata ad…

9 Maggio 2024

Carlo va in missione – Jacopo Zonca

Fase 1: preparazione Carlo è in camera sua, inginocchiato vicino al cesto dei giocattoli. Le…

5 Maggio 2024

“Mattino e sera” di Jon Fosse, il travolgente impeto di un’onda piatta

Jon Fosse ha vinto il Nobel per la Letteratura 2023 “per le opere teatrali e…

2 Maggio 2024

Racconto: L’avvento – Leonardo D’Isanto

La terza domenica di Avvento dell'anno 2022 alle ore 10.40, una donna camminava sorretta dal…

21 Aprile 2024