Zima Blue, o: come amare una piastrella ed essere felice.

Chi ancora persevera nel volersi definire essere umano, una sola cosa dovrebbe (preferibilmente) evitare di desiderare: la perfezione.

La ricerca della perfezione – qui intesa come conoscenza estrema – è il tema trattato nell’ultimo episodio, dal titolo Zima Blue, presente nella prima stagione di Love Death + Robots. Questa serie tv è tra i maggiori successi targati Netflix (altri esempi li trovate qui e qui), arrivata alla terza stagione senza aver mostrato cali nella narrativa degli episodi: e Zima Blue, ispirato al racconto di Alastair Reynolds, rimane il punto più alto, a livello filosofico, dell’intera produzione.

Nel blu dipinto di blu.

La prima immagine del cortometraggio mostra uno schermo blu: da lì apparirà una giornalista, ovvero colei che di fatto racconterà gli eventi, intenta a raggiungere un isolotto per intervistare Zima, il famoso artista che da circa un secolo non rilasciava interviste in pubblico e che presto avrebbe mostrato al mondo la sua ultima opera.

Qui parte la ricostruzione dei vari eventi principali nella storia dell’artista: la prima fase dei ritratti, seguita dal disinteresse verso le forme umane e dalla creazione di murali sempre più voluminosi e con soggetti dei pianeti o comunque parti del cosmo.

L’artista inizia a scalare le vette del successo, ma come prima per i ritratti ben presto la consapevolezza di non aver trovato risposte alla sua arte lo porta a inserire un minuscolo punto blu al centro delle sue opere gigantesche.

Un puntino destinato a variare sia nelle forme geometriche sia nelle dimensioni, via via in crescendo fino a quello che i critici andranno a definire come “Il periodo blu”, quando le creazioni mostreranno una sola immensa tela monocromatica.

A quel periodo seguì un ulteriore passo in avanti dell’artista: dipingere direttamente il cosmo – di blu, s’intende – per carpirne i segreti più reconditi. E per riuscire a sopravvivere in ambienti estremi e connettersi con la Verità raccontata dall’universo, Zima sfidò la morale, divenne altro. O meglio: oltre.

I’m Blue da ba dee da ba di

La giornalista si incontra quindi con l’artista, scoprendo che oramai ogni parte del corpo è stata trasformata più e più volte, a seconda del pianeta o della galassia che l’artista desiderava “imparare”: gli occhi possono vedere ogni colore, la pelle sostituita da polimeri pressurizzati, non necessita più ossigeno…

Zima è la sintesi tanto cara alla cybercultura, un ibrido oramai inconsapevole delle proprie origini: all’esclamazione della giornalista «Ma lei è un uomo con pezzi di macchina, non una macchina che pensa di essere un uomo», l’unica risposta di Zima non poteva che essere «A volte è difficile anche per me comprendere quello che sono diventato. Ed è ancora più difficile ricordare quello che ero un tempo».

E ho imparato che nella vita nessuno mai…

Cos’ha scoperto Zima, dopo aver esplorato l’intero universo?

Due cose, essenzialmente.

La prima è aver ricordato le sue origini, ovvero di essere stato progettato come un semplice robot addetto alla pulizia della piscina, e da lì aver subito innumerevoli aggiornamenti che lo hanno portato a essere un inconsapevole umano senziente.

La seconda è che per quanto si sforzasse con l’arte, il cosmo stava già raccontando la propria storia.

Negli anni, da pulitore di piscina si è evoluto con innumerevoli altri ruoli e abilità, ma tutte le sue fasi creative e ogni sua scoperta cosmica non è mai riuscita ad appagarlo interamente, a dargli quella sensazione paragonabile alla felicità. La lezione di Zima risiede nel raccontarci come abbia sempre cercato la propria origine, a come abbia trasmutato ogni quadro in essenza cosmica fino a scoprire che il suo obiettivo non risiede nella perfezione assoluta o nello scoprire ogni segreto dell’universo, ma nel raggiungere il suo scopo dimenticato di “bambino”.

Conoscere tutto – o troppo – lo aveva portato a uno stato di noia/apatia, quando ciò che contava per realizzarsi era un solo, primitivo gesto, realizzato con cura e amore: pulire le piastrelle della piscina. Piastrelle color Zima Blu.

Voglio restare tutto il giorno in una vasca.

L’artista è pronto a mostrare al mondo la sua ultima opera: gli spettatori vedranno quindi una piscina – sì, quella piscina dove Zima iniziò a vivere – e soprattutto vedranno l’artista nuotare, lasciando parti di sé dopo ogni bracciata, fino a ritornare nella sua forma originale.

L’arte ha raggiunto il suo scopo, tanto da portarlo a dissolversi nella piscina dopo aver esplorato l’intero universo.

Ora è ritornato finalmente un piccolo robot dotato di spazzola per pulire, una a una, le piastrelle della piscina. Gli spettatori inorriditi neppure si accorgeranno dell’ultimo messaggio dell’artista: nella vita è impensabile raggiungere la perfezione o la conoscenza assoluta, ma poco importa. Ciò che conta è comprendere la nostra unicità, la nostra passione. Eseguire un singolo gesto, impregnarlo d’amore.

E questo è Zima Blue.

Piuttosto: qual è la tua passione?

Luca Pegoraro

Luca Pegoraro

Editor e ideatore della linea editoriale Jeet Write Do. In attesa della frase perduta e di dare il la alla Ballata della Rivoluzione letteraria, gratto la superficie delle parole. Email: lucaskywriter@gmail.com

Condividi
Pubblicato da
Luca Pegoraro

Articoli recenti

Noi, orfani di MTV

Salve, mi presento: mi chiamo Andrea e non guardo MTV da un anno. Cioè da…

4 Ottobre 2022

Il senso del tempo: la poesia di Leonardo Pelagalli

Il dono del tempo, un flusso incessante e inafferrabile, esalta i grandi temi della poesia…

30 Settembre 2022

Lezioni bonnensi #3 – Di gender, schwa e femminili

Ritorna l'appuntamento con le lezioni bonnensi, dopo il primo articolo sui libri e il secondo…

27 Settembre 2022

I film da riscoprire: Frances Ha

Giusto un decennio fa, sette anni dopo Il calamaro e la balena e sette anni…

23 Settembre 2022

Simone Innocenti: L’anno capovolto

La sera di capodanno una comitiva di amici storici si ritrova nella villa sul mare…

20 Settembre 2022

Dio è non binary

Io non ho ancora capito se in Dio ci credo o no. Ci credevo da…

16 Settembre 2022